er fattaccio - Laboratorio Roma

Vai ai contenuti

Menu principale:

er fattaccio

racconti > storie

Er fattaccio der vicolo der Moro

E' un testo di Americo Giuliani che a noi romani è molto caro. E' il racconto di una tragedia familiare, dove si esalta l'amor filiale; fa parte di quella Roma di una volta, senza dubbio più povera, ma sicuramente più genuina e sincera di quella attuale. Grandi interpreti de "Er fattaccio" sono stati Alfredo Bambi, Romolo Balzani e Fiorenzo Fiorentini.
"Er fattaccio" non è folklore, ma memoria e voce di Roma, dei suoi sentimenti più autentici, del suo "core" grande e generoso.
Una volta in occasione delle feste di famiglia c'era sempre qualcuno che chiedeva allo  zio o al vecchio amico di famiglia di turno di recitare "Er fattaccio". Grandi e piccoli si rimaneva tutti attenti come se si sentisse un pezzo di storia della Roma più vera e se ne restava sempre emozionati. La stessa emozione si può provare ancora oggi ascoltando e ancor di più rivedendone l'interpretazione di Gigi Proietti.

 
 
 

Sor delegato mio nun so' un bojaccia!
Fateme scioje... v'aricconto tutto...
Quann'ho finito, poi, m'arilegate:
ma adesso, pe' piacere!... nun me date
st'umiljazione doppo tanto strazio!...
(pausa )
V'aringrazio!!
Quello ch'ha pubblicato er «Messaggero»
sur fattaccio der vicolo der Moro
sor delegato mio... è tutto vero!!
No p'avantamme, voi ce lo sapete,
so' stato sempre amante der lavoro;
e è giusto, che, pe' questo, me chiedete,
come la mano mia ch'è sempre avvezza
a maneggià la lima còr martello,
co' tanto sangue freddo e sicurezza
abbia spaccato er core a mi' fratello.
(pausa triste)
Quanno morì mi' padre ero fanello...
annavo ancora a scola e m'aricordo
che, benché morto lui, 'nder canestrello,
la pizza, la ricotta, er pizzutello...
nun ce mancava mai! Che, quella santa...
se faceva pe quattro, e lavorava...
e la marinarella, le scarpette
a di' la verità, nun ce mancava!
Ho capito! Me dite d'annà ar fatto
un momento... che adesso l'aricconto:
Abbitavamo ar vicolo der Moro
io, co' mi' madre e mi' fratello Giggi.
La sera, noi tornamio dar lavoro;
e la trovamio accanto a la loggetta
bona, tranquilla, co' quer viso bianco,
che cantava, e faceva la carzetta!
E ce baciava in fronte, e sorrideva
e ce baciava ancora e poi cantava:
«Fior de gaggia
io so' felice sortanto co' voi due
ar monno nun ce sta che ve somija!».
E mentre sull'incudine, er martello,
sbatteva tutto allegro, e rimbarzava,
pur'io ndell'officina ripetevo:
«Fiorin fiorello
la vita tutta quanta, manco a dillo,
l'ho da passà co' mamma e mi' fratello».
(pausa triste)
Poi, Giggi se cambiò!!! se fece amico co'
li più peggio bulli dell'urione
lassò er lavoro.... bazzicò Panico,
poi fu proposto pe' l'ammonizzione.
De più, me fu avvisato dalla gente,
che quanno io nun c'ero, nú' fratello
annava a casa pe' fa er prepotente!!
Per «garaché», ... l'amichi... l'osteria...
votava li cassetti der comò
e quer poco che c'era lì in famija
spariva a mano a mano!!! Lei però
nun rifiatava, nun diceva gnente....
ma nun rideva più... più nun cantava
mì madre bella, accanto a la loggetta!
La ruta... li garofoli... l'erbetta
ch'infioraveno tutto er barconcino,
tutto quanto sfioriva, e se seccava
insieme a mamma che se consumava!!
(pausa)
Un giorno je feci: - A ma', che ve sentite?
voi state male... perché nun me lo dite?
Nu' rispose: ma fece un gran sospiro,
e l'occhi je s'empirono de pianto!!
Nèr vedella soffrì, pur'io soffrivo!
ma ch'avevo da fà?... chiamai er dottore.
Disse che er male suo era qui:
«ner core»...
e che 'nse fosse presa dispiacere
se 'n voleva morì!!! La stessa sera
vorsi parlà co' Giggi, lo trovai, je feci:
- A Gi', manima sta male assai ...
nun me la fa morì de dispiacere ...
je voio troppo bene... e tu lo sai
che si morisse, embè... che t'ho da di'?
sarebbe come er core se spezzasse!...
Mentre lei, guarirebbe si tornasse
er tempo de 'na vorta!... de quann'eri
bono... lavoratore... t'aricordi?
(pausa accorata)
Giggi me fece 'na risata in faccia:
arzò le spalle, e poi me disse: - Senti,
senza che me stai a fa' tanti lamenti
faccio come me pare! E poi de' resto
si 'nte va be', nun me guardà più in faccia!
E me lassò accusì, li sur cantone,
cor core sfranto!! Ritornai da mamma
e la trovai davanti alla Madonna...
che pregava, e piagneva! Poverella...
quanto me fece pena!! In quer momento
per vicoletto scuro e solitario,
'ntesi Giggi cantà, co 'n'aria bulla:
«Fiorin d'argento
accoro mamma e nun m'importa tanto
pe l'occhi tua ciò perso er sentimento».
(con impeto)
Allora feci: - A ma', se mi' fratello
ritorn' a casa pe' fa' er prepotente
ve giuro che succede 'no sfracello! -
No... no... fietto mio bello,
Giggi nun è più lui... è 'na passione...
so' l'amichi che l'hanno straportato!!!
Me dette un bacio, la benedizione...
e poi, più bianca assai de' la cera,
pe nun piagne disse - Bona sera!
(Pausa lugubre, pianissimo)
ler'ammatina che successe er fatto,
sarà stato... che so... verso le sette ...
me parve de senti come 'na lotta! ...
Mamma diceva: - A Gi'.... 'nte compromette
co' tu fratello ... damme qui er brillocco...
è l'urtimo ricordo de tu padre!!...
e nun te scordà ... che so' tu' madre-
- E che m'importa a me de mi' fratello?
Si vò assaggià la punta der cortello
venga pure de qua! - Mbè... fu un momento:
sarto dar letto... spalancai la porta...
e me metto de faccia a mi' fratello,
co' le braccia incrociate sopra ar petto!
In quer momento me parve de senti 'na cosa calla ...
'na cosa calla che saliva in faccia.
Poi m'intesi gelà! Fece - Che voi.... -
- Io vojo che te ne vai...
senza che fai più tanto er prepotente
senza che me stai a fa' tanto er bojaccia!... -
Mi' madre prevedendo la quistione
se mise in mezzo pe' portà la pace:
ma Giggi la scanzò co' no spintone,
e poi me fece: - A voi sor santarello
ve ce vora' na piccola lezione!
E detto questo, aprì er cortello
e me s'avventò addosso!!!...
Mamma se stava pe' rimette immezzo
infrattanto che Giggi dà la botta...
io la scanzo... ma... mamma dà 'no strillo
e casca a longa longa... Detti un urlo de belva e je strillai -
- Ah bojaccia!!!... infamone scellerato'...
m'hai ammazzato mamma!!! e me buttai
come 'na 'jena sopra a mi' fratello:
j'agguantai la mano ... e je strappai er cortello...
Poi viddi tutto rosso ... e... menai... menai!!!...  
(si copre il viso con raccapriccio; ma l'eco lontano di una marcia funebre che viene dalla strada lo riscuote: e pallido per l'emozione, balbetta)
Sarà mamma che passa!!
(scoppia in un irrefrenabile singhiozzo)  
Mamma! Mamma mia! (poi risoluto ar delegato)
Mannateme ar Coeli.

Sergio Natalizia - 2012

 
Torna ai contenuti | Torna al menu